Relazioni private

Che tipologia di difficoltà relazionali private tratto?

Nella mia attività come psicologa e psicoterapeuta a Milano mi sono occupata di differenti difficoltà relazionali nelle relazioni private. In ogni caso possiamo dire che fanno parte di questa categoria i problemi e le difficoltà che possono insorgere nella coppia, ma anche nelle relazioni familiari come tra genitori e figli.

Quali possono essere le cause delle difficoltà relazionali tra genitori e figli?

Le relazioni genitori-figli e, più in generale, familiari possono essere messe a dura prova da eventi dolorosi e spiacevoli. Ma non sono soltanto questi ultimi a creare difficoltà relazionali all’interno della famiglia. Le evoluzioni personali, i cambiamenti nella vita di ogni singolo membro della famiglia, le difficoltà del quotidiano sono tutte situazioni che devono essere affrontate all’interno della famiglia, ma che, a volte, sono in grado di creare separazione, disagi e complicazioni.
Anche la perdita di punti di riferimento può impattare negativamente sulla capacità di autoregolazione della famiglia stessa. Proprio in questi casi risulta utile e necessario rivolgersi ad un psicologo che avrà il compito di supportare e aiutare le persone coinvolte a trovare la serenità familiare persa. Allo stesso tempo il professionista fornirà strumenti e mezzi che permettano ai genitori e ai fogli di superare difficoltà future e i problemi di comunicazione.

Quali possono essere le cause delle difficoltà relazionali nella coppia?

Come accade nella famiglia, e quindi nel rapporto genitori-figli, anche nella coppia possono insorgere delle difficoltà relazionali. Le cause possono essere le più svariate e gli obiettivi del percorso terapeutico della coppia possono essere molte. I membri della coppia devono essere consapevoli che le difficoltà possono essere superate se si è in grado di comprendere che delusione e frustrazione sono dovute principalmente ad una comunicazione errata e a interpretazioni negative e non ad una incompatibilità. In secondo luogo ogni partner deve assumersi la responsabilità del cambiamento e deve quindi comprendere che esistono delle possibilità di scelta e che l’incomprensione generata da un’immagine distorto dell’altro è un processo attivo da sconfiggere.

Come tratto le difficoltà relazionali?

A secondo che si parli di genitori-figli o di coppia il percorso terapeutico può essere differente. Alla base deve esserci comunque la volontà da parte di entrambe le persone coinvolte di superare le difficoltà e di mettersi in gioco. Il mio compito come psicologa e psicoterapueta sarà quello di comprendere le motivazioni di base che hanno generato le difficoltà relazionali e supportarvi per superarle. Nel primo colloquio gratuito mi racconterete i vostri stati d’animo, le motivazioni che vi hanno spinto a rivolgervi a me e il mio compito sarà quello di valutare e strutturare un percorso terapeutico e condividerne con voi gli obiettivi.

Vuoi approfondire con un primo colloquio gratuito?

Vuoi conoscermi meglio?

Telefono: +39 340 2374939
Via Gian Battista Bazzoni, 12
20123 Milano