Risorse e riconoscimenti

Risorse e riconoscimenti

Risorse e riconoscimenti: le qualità che ci sostengono e che possiamo valorizzare nei nostri collaboratori, anche a distanza.

Portare la nostra attenzione a individuare e far emergere le nostre risorse è importante in questo momento perché ci possono sostenere e possono favorire la nostra resilienza. Il primo passo è darci il permesso di riconoscerle a noi stessi e poi anche agli altri.

In momenti in cui siamo sottoposti a stress e a condizioni avverse è altrettanto importante poter far vivere al meglio al situazione lavorativa già difficile e complicata da tutto ciò che sta accadendo.

Le nostre competenze trasversali, le soft skills, sono sempre più prese in considerazione tanto che qualcuno oggi le definisce le nuove hard skills.

Fermiamoci un attimo e cerchiamo di metterle a fuoco.

Quali sono le mie qualità, le risorse personali a cui posso attingere?

Posso individuare per esempio tutte quelle capacità che ho appreso nel corso del tempo, che mi hanno aiutato a superare momenti difficili.  Se non riusciamo a individuare le nostre qualità possiamo chiedere a persone di cui ci fidiamo e che possono aiutarci.

Pensiamo ai nostri collaboratori, alla nostra squadra: quali sono le qualità di ognuno di loro?

Se gestiamo un gruppo di persone è altrettanto importante dare riconoscimenti alle qualità dei nostri collaboratori. In questi ultimi  mesi ci siamo dovuti adattare a lavorare a distanza e ora ci dobbiamo preparare ad un nuovo cambiamento poiché probabilmente nella fase 2,  quando torneremo in ufficio, non vedremo tutti i colleghi, in parte saranno in smart working, si genererà una nuova organizzazione e un nuovo modo di gestire le relazioni. Altri cambiamenti e altri stress! Occorre quindi non introdurre altra “distanza” ma far arrivare dei messaggi  forti e chiari di presenza.

Come posso fare a valorizzarli? Fornendo dei feedback, esprimendo riconoscimenti.

I riconoscimenti sono fondamentali per la nostra identità, riguardano un bisogno profondo presente in tutti noi che è quello di essere visti, di essere riconosciuti, valorizzati.

Questi tipi di riconoscimenti sono altrettanto importanti di quelli economici. Toccano l’immagine di noi.  Quando ricevo messaggi che mettono in luce le mie qualità migliora la mia autostima, ciò che faccio avrà più senso, sarò più proattiva, fiduciosa e motivata.

Possiamo distinguere due grandi aree di riconoscimenti: quelli sul “fare” e quelli sull’”essere”.

I primi sono collegati a ciò che una persona sa fare concretamente, li esprimiamo tutte le vote che diciamo per esempio “la proposta che hai fatto è molto interessante”, “hai negoziato in modo eccellente con il cliente”, ecc.

Invece, i riconoscimenti sull’”essere” sono quelli che sono diretti alla persona nel suo insieme, nella sua totalità. Ad esempio “ho fiducia in te”, “sono contento che tu sia qui”. Questo tipo di riconoscimenti, come si può intuire, è più potente.

È fondamentale, nel momento in cui decidiamo di dare un riconoscimento, che sia autentico. Se non lo pensiamo veramente in qualche modo il messaggio vero, il sottinteso, passerà e l’interlocutore lo coglierà.

È molto motivante ricevere questi riconoscimenti e altrettanta attenzione va posta quando dobbiamo dare delle restituzioni su ciò che non è andato bene, ma questo è un altro capitolo…

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Telefono: +39 340 2374939
Via Gian Battista Bazzoni, 12
20123 Milano